Carte dritte o rovesciate? Fai la scelta giusta…

giustizia up and down

Personalmente ho sempre utilizzato le carte a rovescio in un consulto. Oltre a essere previste dal metodo da me fino a oggi principalmente utilizzato, quello di Camoin, l’ho sempre considerato uno dei principi base dell’uso dei Tarocchi, presente nella maggior parte dei sistemi di lettura e stabilito dalla presenza dell’Appeso nel diagramma 3×7.

pendu

Tuttavia da alcuni mesi ho cominciato a studiare e praticare con soddisfazione un nuovo metodo (per maggiori informazioni: https://scuolatdm.com/regole-base-metodo-tdm/?wpam_id=35), sempre basato sulle carte sguardo e la legge del due, che però non prevede carte a rovescio: indubbiamente il cambiamento non è di poco conto, ma  vale la pena tentare. In questo caso è la sequenza dei simboli, la presenza e il valore delle altre carte contigue a suggerire la valenza “positiva” o “negativa” dell’Arcano: la carta rovesciata, con il suo indiscutibile, potente segnale visivo, non sempre aggiunge qualcosa in più e può anche caricare la lettura di sfumature eccessivamente pessimistiche che non è detto siano utili al risultato e allo scopo che ci prefiggiamo. Per chi vuole avere maggiori informazioni sulle letture secondo questa nuova metodologia e provare un consulto, può contattarmi all’indirizzo max.arcanonove@gmail.com. Per i primi 10 che scriveranno, offro la possibilità di farmi una sintetica domanda conoscitiva, purché comunque sufficientemente dettagliata (non fate domande tipo “lui/lei mi pensa”, perché in queste condizioni non è possibile dare una risposta sensata).

Grazie, Max

L’Arcano XII: L’Appeso

XII.-Appeso_Tarot

Guardando lo schema 3×7, che come più volte detto è la chiave interpretativa che svela il meccanismo e i codici segreti dei Tarocchi, un particolare è immediatamente molto ben evidente: una sola carta è a rovescio, “a testa in giù”, Le Pendu, l’Appeso (XII). Perché tra tutti e 22 gli Arcani è stata inserita questa particolarità, questa “eccezione”? Un legge del Tarot è ben nota, ed è quella della cosiddetta “irregolarità”: va sempre posta molta attenzione a una carta che in una serie si distingue dalle altre per qualcosa. Ebbene, cosa di più eclatante di un unico arcano su 22 a rovescio? Che messaggio fondamentale il Tarot ci sta trasmettendo? Le Pendu è la rappresentazione di un essere umano in evidente difficoltà: è legato, a testa in giù, sottoposto a un supplizio. Nessun altro personaggio dei 22 è in così grande sofferenza, così esplicitamente rappresentata, tranne forse le figurine legate ai piedi del Diavolo, ma loro sono un particolare minore dell’Arcano XV, forse neanche esseri umani propriamente detti. Molto semplicemente, Le Pendu, al di là dei significati archetipici della carta, ci dice questo: se il Tarot rappresenta la difficoltà con l’inversione di una figura, quando in una lettura un arcano qualsiasi viene estratto a rovescio, allora tale inversione ci sta indicando un blocco, uno stallo, un problema che in quel momento il consultante sta affrontando (e che, come già sappiamo, va risolto con l’estrazione di una carta soluzione). Questa interpretazione è rafforzata e confermata da un altro elemento: per una serie di motivi che è troppo lungo affrontare ora, L’Appeso è legato al 22 Arcano, il Mondo, da un rapporto di totale antitesi; dunque la donna che è il grado massimo di realizzazione nel Tarot è contrapposta a un uomo a testa in giù, il suo contrario in tutto. Così al docicesimo arcano, non certo uno dei più “celebri” dei Tarocchi, è affidata forse la più nota, anche ai profani, delle caratteristiche di una lettura di carte: un Arcano rovesciato significa problemi! Quanto ai significati dell’Appeso, ricordiamo: immobilizzazione, attesa, arresto, (ma anche, in senso positivo, introspezione, meditazione prima di una decisione o di un’azione importante), segreto, nascondere, un attaccamento illusorio (il nodo che blocca il piede è fittizio), pigrizia fisica e mentale, tendenze masochistiche o propensione a sacrificarsi e così via (e naturalmente anche l’Appeso può uscire a rovescio…). In una lettura, da un punto di vista “tecnico”, Le Pendu che esce “in soluzione” può suggerire l’opportunità di non agire in una certa situazione e attendere, mentre come ultima carta al futuro risponde senza incertezze “no” alla domanda posta.

Per info sulle letture (la prima sempre gratuita): max.arcanonove@g