L’Arcano XII: L’Appeso

XII.-Appeso_Tarot

Guardando lo schema 3×7, che come più volte detto è la chiave interpretativa che svela il meccanismo e i codici segreti dei Tarocchi, un particolare è immediatamente molto ben evidente: una sola carta è a rovescio, “a testa in giù”, Le Pendu, l’Appeso (XII). Perché tra tutti e 22 gli Arcani è stata inserita questa particolarità, questa “eccezione”? Un legge del Tarot è ben nota, ed è quella della cosiddetta “irregolarità”: va sempre posta molta attenzione a una carta che in una serie si distingue dalle altre per qualcosa. Ebbene, cosa di più eclatante di un unico arcano su 22 a rovescio? Che messaggio fondamentale il Tarot ci sta trasmettendo? Le Pendu è la rappresentazione di un essere umano in evidente difficoltà: è legato, a testa in giù, sottoposto a un supplizio. Nessun altro personaggio dei 22 è in così grande sofferenza, così esplicitamente rappresentata, tranne forse le figurine legate ai piedi del Diavolo, ma loro sono un particolare minore dell’Arcano XV, forse neanche esseri umani propriamente detti. Molto semplicemente, Le Pendu, al di là dei significati archetipici della carta, ci dice questo: se il Tarot rappresenta la difficoltà con l’inversione di una figura, quando in una lettura un arcano qualsiasi viene estratto a rovescio, allora tale inversione ci sta indicando un blocco, uno stallo, un problema che in quel momento il consultante sta affrontando (e che, come già sappiamo, va risolto con l’estrazione di una carta soluzione). Questa interpretazione è rafforzata e confermata da un altro elemento: per una serie di motivi che è troppo lungo affrontare ora, L’Appeso è legato al 22 Arcano, il Mondo, da un rapporto di totale antitesi; dunque la donna che è il grado massimo di realizzazione nel Tarot è contrapposta a un uomo a testa in giù, il suo contrario in tutto. Così al docicesimo arcano, non certo uno dei più “celebri” dei Tarocchi, è affidata forse la più nota, anche ai profani, delle caratteristiche di una lettura di carte: un Arcano rovesciato significa problemi! Quanto ai significati dell’Appeso, ricordiamo: immobilizzazione, attesa, arresto, (ma anche, in senso positivo, introspezione, meditazione prima di una decisione o di un’azione importante), segreto, nascondere, un attaccamento illusorio (il nodo che blocca il piede è fittizio), pigrizia fisica e mentale, tendenze masochistiche o propensione a sacrificarsi e così via (e naturalmente anche l’Appeso può uscire a rovescio…). In una lettura, da un punto di vista “tecnico”, Le Pendu che esce “in soluzione” può suggerire l’opportunità di non agire in una certa situazione e attendere, mentre come ultima carta al futuro risponde senza incertezze “no” alla domanda posta.

Per info sulle letture (la prima sempre gratuita): max.arcanonove@g

La numerologia nei Tarocchi: una particolarità densa di significato

Questo è il primo di una serie di articoli che sto progettando di scrivere a proposito della numerologia nel Tarot, del rapporto quindi tra Arcani e numeri: tale relazione è stretta e la sua importanza è sottolineata dal fatto che i numeri sono ben evidenti nel cartiglio di ciascuna Lama, posizionati in alto e al centro, dunque in massima evidenza (nulla è un caso nel Tarot, è bene ricordarlo!). Come consiglio di lettura, come spesso mi accade, rimando alla “Via dei Tarocchi” di Alejandro Jodorowski, nella cui prima parte è dedicato a tale argomento un ampio e esaustivo capitolo. Oggi voglio far notare un particolare piccolo, che può passare inosservato, ma assai significativo e indicativo della dottrina, della filosofia alla base dei Tarocchi. Osserviamo la seguente serie

I.-Bateleur_TarotII.-Papessa_TarotIII.Imperatrice_TarotIIII.-Imperatore_Tarot

molto semplicemente sono i primi quattro Arcani; se osserviamo i numeri in alto vediamo che sono in sostanza quelli romani: I, II, III e IIII, con la differenza che il quattro non è scritto, come ci aspetteremmo, con il classico IV. Osserviamo altre carte:

VIIII.-Eremita_Tarot XIIII.-Temperanza_Tarot XVIIII.-Sole_Tarot

in tutte sono presenti quattro stanghette verticali: VIIII invece di IX per il nove, XIIII invece di XIV per il quattordici, XVIIII invece di XIX per il diciannove. Cosa significa? Possibile sia solo una leggerezza o un errore dello stampatore? Difficile crederlo, a maggior ragione se pensiamo che questo mazzo, come gli altri Marsigliesi, risale a un epoca, il Settecento, dove la numerazione in stile romano era diffusa e consueta.  Ebbene, anche qui sta nascosto uno degli innumerevoli (centinaia!) codici che veicolano il messaggio segreto e esoterico dei Tarocchi. Se riflettete, scrivere “IV” significa “5-1” o “uno di meno per arrivare a cinque”, scivere “IX” significa “10-1” o “uno di meno per arrivare a dieci” e così via, dunque in pratica si evidenza una mancanza, una differenza per arrivare al numero più grande. Quando invece il Tarot scrive IIII è una sequenza crescente, “progressiva”, così come VIIII, XIIII ecc. Ciò sta a significare appunto che i Tarocchi hanno un senso progressivo, segnano una strada evolutiva di continua aggiunta, mai di sottrazione: l’insegnamento del Tarot è fatto di tappe successive e sempre più elevate, come in una scala. L’arricchimento del sapere e della conoscenza di sé e del mondo che questa dottrina diffonde non può essere mai associato a un’immagine, sia pure un particolare apparentemente insignificante, di diminuzione o difetto. E’ una piccola cosa, ma di enorme portata.

Per un consulto, scrivere a: max.arcanonove@gmail.com

Come avviene una lettura secondo il Metodo Tradizionale

conver

Il Metodo Tradizionale (o Camoin, a seconda delle scuole di pensiero), è, come più volte detto, assai diverso da quelli più noti e in uso. Anzitutto non ha un numero di carte prefissato né posizioni fisse. E’ il consultante stesso che, dopo aver mescolato il mazzo, dispone davanti a se le prime tre carte, che rappresentano il passato presente e futuro della questione affrontata. Il tiraggio si svolge poi attraverso una serie di domande mirate, poste dal tarologo in base gli Arcani usciti, che servono a isolare tra i tanti significati di ciascuna carta quello più adatto all’argomento trattato e in grado di aiutare il consultante a trovare quella risposta che, sovente, è già dentro di lui senza che egli ne sia consapevole. Le carte successive, come è ormai noto, vanno posizionate seguendo le due ben note leggi della contemplazione e dell’opportunità (vd. i post precedenti): possono esserci letture di sole tre carte come letture che utilizzando tutti e 22 gli arcani nella loro completezza. Con tale innovativo approccio, la classica lettura nella quale si gettano le carte e si comincia a “predire” un po’ avventurosamente il futuro perde così di significato: se non impossibile, è perlomeno sconsigliata e poco utile. Più una domanda è posta con consapevolezza e precisione, maggiore è la garanzia che il Tarot risponda con stupefacente risonanza al dubbio posto: lavoro, scelte di vita pratica, amore, consapevolezza di sé, rapporti con gli altri, tentare di capire l’origine di certi blocchi che ci impediscono di agire in piena libertà… nulla è imposto, nulla è già scritto e immutable… attraverso i Tarocchi in realtà scegliamo consapevolmente in nome del libero arbitrio. Contatti per info sulle letture (la prima gratuita e senza limiti di tempo): max.arcanonove@gmail.com

Max VIIII

Alcuni esempi di letture secondo il Metodo Tradizionale

Come più volte detto nei post precedenti, il Metodo Tradizionale non prevede un numero di carte prefissato; si parte da tre, che sono le carte iniziali, tradizionalmente indicanti il passato presente e futuro della domanda posta, si può arrivare a utilizzare tutti e 22 i Maggiori (per esperienza, mi sento di dire che più carte escono più la questione è di difficile soluzione, spesso perché la domanda posta inizialmente non è esattamente centrata o chiara nella mente stessa del consultante). Gli Arcani si aggiungono in base alle due oramai celebri leggi dello sguardo (o “contemplazione”) e dell’opportunità/soluzione. Ricordiamole in sintesi: la Legge della Contemplazione prescrive che, laddove esista una “carta sguardo” (per la definizione, si veda il post dedicato alle due leggi), se non è già presente va aggiunta accanto un’altra carta; la Legge dell’Opportunità ci dice invece che in presenza di un Arcano rovesciato, va posto sopra un altro arcano (sempre al dritto!) che possa indicare a consultante e tarologo la soluzione al problema rappresentato dalla carta sottosopra. Ad esempio, l’immagine sulla home di questo sito è una lettura che si conlude con le tre carte: da sinistra a destra, ossia dal passato al presente, abbiamo Le Mat, la Ruota e Le Monde. Non ci sono carte a rovescio e le due carte “sguardo”, Le Mat e Le Monde, guardano entrambe in direzione della Ruota (hanno gli occhi rivolti verso la carta al centro, che invece non è una carta sguardo).
Immagine blog
Di seguito qualche esempio con più carte; sono letture da me fatte nel passato, non importa in questa sede mostrare quale era la domanda posta, interessa solo capire il meccanismo di aggiunta delle carte.
sonja_301014

Le tre carte iniziali sono: Le Mat-Arcano XIII a rovescio-Il Carro; Le Mat e Carro hanno già lo sguardo direzionato verso l’Arcano al centro, che è l’unico a rovescio. Va così posta una carta soluzione sopra Arcano XIII, in questo caso Bateleur, che essendo a sua volta carta sguardo, necessita dell’estrazione di un’altra carta affianco: esce Amoreux che, essendo dritta e non avendo sguardo, conclude la lettura.
carmen_291114
Le tre carte iniziali sono: Maison Dieu a rovescio-Le Mat a rovescio-L’Appeso. Siamo in presenza dunque di due carte a rovescio e dell’Appeso, che non ha sguardo (in effetti ha gli occhi puntati verso di noi…). Dobbiamo estrarre due carte soluzione per gli Arcani usciti a rovescio: si parte da Maison Dieu, in quanto è la carta più al passato. Esce La Forza, a sua volta carta sguardo: andrà quindi posta un’altra carta che sia contemporaneamente ciò a cui sono rivolti gli occhi della Forza e soluzione de Le Mat a rovescio (per questo la porremo dritta qualunque sia il verso di estrazione); la Lune, che contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, non ha sguardo, termina la lettura.
cristiana_161114
Infine, una lettura con qualche carta in più. Le tre iniziali sono Appeso-Maison Dieu a rovescio-Papessa a rovescio. La prima carta soluzione va posta sopra Casa Dio: l’Impreatrice ha lo sguardo, il che necessita l’estrazione di un altro Arcano, la Stella (che è anche soluzione di Papessa). E’ interessante notare che anche le carte a rovescio sono soggette alla Legge della Contempazione, ecco perché poniamo una carta vicino alla Papessa, Amoreux. Ma anche quest’ultima è rovesciata, così dobbiamo estrarre un altro arcano che ne rappresenti la soluzione, Il Papa, che ha bisogno di una carta osservata vicino: La Giustizia, essendo dritta e senza sguardo, conclude finalmente il consulto. Ovviamente sono esempi scelti per esigenze di semplicità con un numero limitato di carte e senza tener conto di alcune altre variabili. Le combinazioni sono, come si può immaginare, innumerevoli e arricchiscono di molteplici sfumature e piani di lettura i consulti, ben al di là dei metodi usati dalla tradizionale cartomanzia. Per chi volesse provare in prima persona, scrivete a
max. arcanonove@gmail.com
o al contatto skype: max VIIII

Il tarologo è di nuovo online: ricominciano le letture!

X.-Ruota-della-Fortuna_Tarot

Dopo la pausa estiva, il tarologo è di nuovo online. Le letture, che si svolgono secondo il metodo da me descritto in un precedente post, durano circa un’ora, dunque se siete interessati tenetevi almeno 60 minuti liberi e possibilmente da soli e senza distrazioni: un consulto è, comunque lo si voglia intendere, una procedura “magica” che necessita della giusta concentrazione e partecipazione per riuscire al meglio. Non faccio letture generiche su un futuro astratto: non ci credo e non credo siano utili, dunque l’ideale sarebbe partire da un vostro quesito o argomento il più possibile preciso. Da un punto di vista pratico, ci sono varie possibilità per la realizzazione del consulto: skype è senz’altro la migliore (anche senza webcam, per chi desidera maggiore privacy), ma è possibile anche via chat (scritta o parlando) sul sito “scribblar” o eventualmente anche al telefono (ho  disposizione un numero fisso, al quale rispondo direttamente dal computer, che ha come costo solo la tariffa del vostro operatore). Visto il metodo che utilizzo, è davvero importante a mio avviso poter vedere le carte per comprendere appieno la lettura, dunque se avete la possibilità di collegarvi da un pc invece che via smartphone sarebbe l’ideale: sullo schermo potrete così osservare la disposizione degli Arcani e comprenderne in prima persona il messaggio. Ovviamente anche il solo consulto a voce senza schermo si può fare se non c’è altro modo, comunque ritengo fondamentale il dialogo in diretta, dunque per favore non chiedetemi letture via e.mail o messaggi. IMPORTANTE: ci crediate o no, il guadagno non è il mio fine. Dedico a questa passione le mie energia e la mia sincerità solo nel tempo libero, visto che come tutti devo lavorare per vivere, dunque non mi ritengo un professionista a tempo pieno, ma un apprendista in continua formazione. Per questo il primo consulto è sempre assolutamente gratuito e senza limiti di tempo. Se la lettura vi avrà soddisfatto e avrete altre domande, allora vi rimanderò al sito a pagamento dell’associazione presso la quale studio, dove vengono svolte letture di alto livello e competenza: lì troverete me e tutti gli altri tarologi abilitati, potrete liberamente rivolgervi a me o agli altri colleghi a vostra completa discrezione, l’importante è diffondere il messaggio che da secoli il Tarot trasmette a tutti noi. Un’ultima cosa: non faccio nella maniera più assoluta letture con argomento la salute, per quello ci sono i medici e vi invito a diffidare di chiunque voglia guarire un male fisico tramite i tarocchi o altri metodi non appartenenti alla scienza. Se siete interessati, potete contattarmi in via preliminare all’indirizzo

max.arcanonove@gmail.com.

A presto, Max VIIII